Consegna Pergamena ai Reduci

Nella ricorrenza del 60° anniversario della conclusione del secondo conflitto mondiale l’Associazione Nazionale Alpini nella persona del Presidente Nazionale Corrado Perona ha ritenuto doveroso rendere omaggio ai reduci Alpini, donando loro una pergamena commemorativa per il dovere compiuto nella loro gioventù.

Festa di San Leonardo

20061112-dominici.jpg

La festa di San Leonardo di quest’anno, 12 novembre 2006, è stata onorata dalla presenza di mons. Emilio Dominici, parroco di Medeuzza dal 1959 al 1969. Ha presieduto la celebrazione eucaristica e all’omelia, tenuto presente che si inauguravano le nuove artistiche vetrate della chiesa, ha magistralmente esposto la teologia della bellezza nella fede cristiana. Il Coro Parrocchiale ha regalato momenti di intensa spiritualità eseguendo la Messe Patriarchine di Albino Perosa e altri canti liturgici con la direzione del parroco don Carlo Dorligh e con il sostegno dell’organista Sergio Bevilacqua. Il sindaco, dott. Attilio Ninino, con brevi ma efficaci parole ha inaugurato le vetrate realizzate dalla ditta Progetto Arte Poli di Verona. Altro momento di intensa vita paesana si è avuto con il pranzo comunitario in piazza, ove più di 200 persone hanno potuto gustare le squisitezze preparate dai giovani dell’ Associazione Ricreativa. A coordinare il tutto e a risolvere ogni problema logistico c’erano gli alpini, sempre ‘presenti’. Il Consiglio Pastorale ha curato la mostra di artigianato domestico, la meravigliosa bancarella di solidarietà e l’estrazione della lotteria popolare. I bambini, assistiti dagli animatori, si sono divertiti con la caccia al tesoro e con altri giochi popolari. Il Gruppo Storico ha rievocato i momenti fastosi della fortezza di Palmanova dando un assaggio del terribile frastuono provocato da alcuni spari di cannone. La generosità dei partecipanti ha permesso di realizzare un utile di oltre 3.500 euro. Serviranno per la solidarietà con i bambini della Bolivia e per l’acquisto del gasolio da riscaldamento. Collaborazione, concordia e generosità sono gli ingredienti che realizzano momenti così belli per una comunità. Complimenti Medeuzza!

Vecchie glorie... ma non troppo!

medeuzza86-2006.jpg

Indimenticabili emozioni sul campetto di erba sintetica di Togliano di Torreano per i ragazzi del MEDEUZZA 86, la squadra degli ex nata da un’iniziativa di Massimo Ciani. Dopo una partenza in tono minore, la compagine, al suo esordio nel torneo di calcio a 5 “Match Ball 2006”, ha saputo sbaragliare una dopo l’altra le insidie avversarie vincendo, con un sonoro 6 a 2, la finale dei “Play Out”, giocatasi venerdì scorso, 7 luglio. Oltre che sul campo, i ragazzi si sono distinti anche nei festeggiamenti che sono seguiti alle premiazioni, brindando con dell’ottimo lambrusco direttamente dalla coppa. La serata è proseguita, birra alla mano, con il ricordo dei bei momenti trascorsi insieme, qualche anno fa…, nelle giovanili della A.S. Medeuzza all’insegna del motto del mister “no conte nuje el risultat, l’impuartant el è l’impegno…”. E’ proprio il caso di dire che il tempo passa ma soprattutto che l’amicizia resta e se a questo si aggiungono le vittorie sul campo non ci si può che dare appuntamento al prossimo “Match Ball”...

Lucciolata 2006

- Gruppo Alpini MEDEUZZA
- Gruppo Alpini VILLANOVA DEL JUDRIO
- Associazione Ricreativa MEDEUZZA
- Associazione Culturale Ricreativa VILLANOVA DEL JUDRIO
- Associazione Sportiva MEDEUZZA
- Associazione Calcio VILLANOVA DEL JUDRIO
- Associazione Pescatori Sportivi MEDEUZZA
- Consiglio Pastorale MEDEUZZA

con la collaborazione della VIA DI NATALE di Pordenone,

hanno organizzato sabato 3 Giugno 2006 la

LA LUCCIOLATA DI MEDEUZZA – VILLANOVA DEL JUDRIO

Rendiconto della Lucciolata:

Visita ai Reduci

Con il pretesto del tesseramento, alcuni consiglieri del Gruppo Alpini di Medeuzza, con in testa il Capogruppo, colgono l’occasione per far visita ai soci più anziani ed in particolar modo ai reduci. Quest’anno abbiamo radunato l’esiguo numero di reduci, ridotti oramai a sole tre unità, e precisamente i soci Bergamasco Benvenuto classe 1916, Bergamasco Odilo classe 1920 e Musig Silvano classe 1923, tutti soci fondatori del Gruppo.

Breve storia del Gruppo Alpini Medeuzza

Il Gruppo Alpini Medeuzza nasce nel 1953 allorquando un gruppo di soci si stacca dal Gruppo di San Giovanni al Natisone e viene formato un autonomo Gruppo nella frazione di Medeuzza. Il Gruppo nel 1953 si compone di 35 soci che sono guidati dal capogruppo Bergamasco Anselmo, uno dei promotori della scissione. L'anno successivo, nel frattempo i soci sono diventati 46, il Gruppo partecipa alla Adunata Nazionale di Roma. Il 20 marzo 1955 viene benedetto, con una solenne cerimonia, il Gagliardetto del Gruppo, acquistato con la tassazione di tutti i soci. Il costo del bollino in quegli anni è di lire 200. Nel 1963 il Gruppo celebra il decennale della sua fondazione. Il primo capogruppo Bergamasco Anselmo regge le sorti del Gruppo dalla fondazione al 1959 allorché passa la mano al socio Battilana Loris che reggerà il gruppo dal 1960 al 1967. Nel 1968 viene nominato capogruppo il socio Vizzutti Giovanni sotto la cui guida il 15 luglio 1984 il Gruppo inaugura la "Via degli Alpini" una strada del paese dedicata alla "Julia" ed al glorioso corpo degli Alpini. Alla presenza della fanfara della Julia e con la presenza di numerose autorità il Gruppo oltre all'inaugurazione della via dona il "Tricolore" alle scuole Elementari ancora presenti in paese. Intanto nel 1984 i soci sono 43 per diventare 51 nel 1988.

4° Trofeo delle Frazioni

20060408gara.jpg

Sabato 8 aprile 2006 in località PREVAL (S. Floriano) si è svolta la quarta edizione della gara di pesca alla trota in laghetto tra le frazioni del Comune di San Giovanni al Natisone valida appunto per il "4° Trofeo delle Frazioni, Comune di San Giovanni al Natisone". E' stata favorevole la bella giornata di sole, ma l'acqua si presentava sporca causa le numerose pioggie e preannunciava una gara insidiosa. Le trote non avevano infatti nessuna voglia di abboccare. Ma comunque la gara si è svolta in un bel clima di allegria con un gradito pubblico giunto da tutte le frazioni. Per il terzo anno il trofeo è andato a Dolegnano, merito di un affiatato gruppo di garisti. Sfortunata invece l' APS Medeuzza che si è vista soffiare il secondo posto per pochi grammi dalla CPS "La Brava" di Villanova dello Judrio. Il quarto posto è andato all' APS "I Pellicani" di San Giovanni. Da segnalare il secondo posto assoluto individuale di Bevilacqua Gabriele di Medeuzza che la vigilia della gara aveva appunto annunciato "Questo è un appuntamento importante. Voglio fare bella figura, vedrete: ho preso il mulinello nuovo e ho affilato gli ami!!!". Alla trattoria "Al Portico" di Villanova si sono svolte le premiazioni e si è festeggiato con una buona pastasciutta e un buon taj. ARRIVEDERCI ALLA PROSSIMA EDIZIONE!

Gara Alpina

Anche quest'anno i pescatori alpini dell' A.P.S. Medeuzza si sono portati a casa il primo trofeo e parecchie medaglie d'oro durante la consueta gara alpina presso il laghetto “Al Salice” di Villesse, svoltasi la scorsa domenica 19 marzo 2006 e organizzata dal gruppo ANA di Ruda. Risultati ottenuti : - Prima società classificata - Due primi e un secondo di settore (di cui un primo assoluto e un primo alpino assoluto) - Numerosi altri buoni piazzamenti.

San Leonardo e altri protettori

Protettore della chiesa di Medeuzza è San Leonardo Abate; ecco qualche dato essenziale riguardo alla sua vita. Nato nel 494 nella odierna S. Leonard-de-Noblac. presso Limoges, nel centro della Francia, fu discepolo di Remigio, vescovo di Reims. Di famiglia nobile abbandonò la vita di corte e visse da monaco nella pace del suo eremo; molti discepoli lo seguirono. Si dedicò all’assistenza dei bisognosi e dei pellegrini, e alla liberazione dei carcerati. Il suo culto si diffuse in Italia in seguito alla venuta dei Franchi, tra il X e il XIII secolo; la festa è fissata il 6 novembre, giorno della sua morte. Viene raffigurato con il vestito dei monaci benedettini con in mano il bastone pastorale degli abati, il libro della regola benedettina e con le catene. È il protettore dei carcerati, dei prigionieri, delle partorienti, dei fabbri ferrai, dei facchini, dei minatori, dei giardinieri, dei fruttivendoli, dei venditori di formaggio burro e uova, dei cavalli, degli obesi e dei pazzi; è invocato in particolare contro la grandine e contro i briganti e ladroni. Sono 82 i paesi che portano il suo nome e 699 le chiese a lui dedicate.

Oltre a san Leonardo, numerosi altri testimoni della fede cristiana sono stati venerati e invocati a Medeuzza nei suoi quasi mille anni di vita. Ecco un elenco accertato da documenti storici o dalla presenza di reliquie o di statue. In primis naturalmente Maria di Nazaret, madre di Dio. Seguono in ordine di comparizione del loro culto nella pietà popolare del posto:

 

Santa Margherita di Antiochia
San Gallo di Irlanda
Santa Lucia da Siracusa
Santa Apollonia di Alessandria
Sant' Ignazio di Antiochia
San Bovo, protettore degli animali
San Pietro apostolo
Santa Giustina da Padova
San Rocco da Montpellier
Sant' Antonio da Padova
San Biagio da Sebaste
Santa Eurosia di Jaca

Bilancio finanziario 2005

E' stato approvato il bilancio finanziario del 2005.

Condividi contenuti